Letture… in tutti i sensi

Amiche, amici, siamo ancora qua. Uno dei molti, imprevedibili aspetti di questo strano capitolo distopico che stiamo vivendo è la riduzione della nostra sensorialità a pochi, noti ingredienti. I profumi, i sapori, i colori, i suoni della nostra casa ci sono noti, e sono sempre quelli; le strade tacciono, di voci e di macchine; e persino un atto semplice come toccare un’altra persona, per stringere una mano o per una carezza, è diventato un atto pericoloso, improprio.

Per fortuna esistono pagine di libri che traboccano di suoni, di colori, di puzze, di rumoracci, di piatti prelibati da far sciogliere lentamente sulla lingua, del tintinnio che fa l’acqua di un ruscello rimbalzando sulle rocce, del profumo che esce dalle porte di una panetteria la mattina presto quando le altre botteghe sono ancora tutte chiuse. Qui ve ne ho elencato qualcuno, secondo i miei gusti; ma vi consiglio davvero di cercare nella vostra libreria a casa e trovare un libro che vi faccia respirare: i libri sono finestre sul mondo, sempre, ma oggi specialmente.

Se qualcosa vi stuzzica e volete comprarlo al Pensatoio ne sono felice, altrimenti qui c’è un elenco di librerie fisiche che spediscono in tutta Italia, non lasciamole sole. 

Patrick Suskind: Il profumo
Grenouille nasce in un luogo, Parigi, e in un tempo, il diciottesimo secolo, in cui odori, odoracci, puzze e miasmi di tutti i tipi e i generi non mancano; ma Grenouille ha un dono speciale, il suo è un naso assoluto, capace di discernere e riconoscere i più sottili indizi olfattivi. Questo lo condanna a cercare per tutta la vita il profumo perfetto…
Abo Naoko: Passione Sakura
Ogni anno, in questo periodo, in Giappone si celebra il rito dell’Hanami. Ma la fioritura dei ciliegi non è un fenomeno del tutto naturale: la sopravvivenza dei ciliegi giapponesi, la loro varietà e la capillare presenza nel paese si deve a un eccentrico gentiluomo inglese, e raffinato botanico, Collingwood – detto «Cherry» – Ingram.

Alice B Toklas: I biscotti di Baudelaire

Una ricchissima raccolta di ricette e di ricordi non solo culinari, di aneddoti divertenti, di convinte opinioni su questioni gastronomiche ma anche artistiche compilato dalla compagna di Gertrude Stein; il menù del salotto letterario che fra le due guerre ha accolto la crème della créme degli artisti europei

Guido Catalano: Poesie al megafono

Le poesie di Guido Catalano sono delle perle di ironia stralunata e semplicità formale. In questo libro parlante si può pigiare un pulsante ed ecco la voce,  serissima ed esilarante, del poeta che esce dal libro scandendo: “Si può morire di ciliegie? / quante ne devo mangiare di ciliegie / per morire di ciliegie? / Se mai dovessi suicidarmi / m’ammazzerei di ciliegie.”

Hervé Tullet: Il gioco della scultura

Sei pronto a trasformare questo libro in una scultura? Per cominciare aprilo, stacca i pezzi di cartoncino e inseriscili nelle fessure e nei buchi predisposti. Quando ti sarai stancato di ammirare la tua scultura puoi scomporla e crearne una nuova! Per tutti gli artisti dai 3 anni in su

Ordina entro mercoledì, ricevi a casa la settimana prossima!

Che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.